Gruppo
          per lo studio
        e la pratica
      della Spada
    del Tiro con l'Arco
  e delle Arti Tradizionali
Giapponesi

Il dojo Yamabushi Shudan

Ingresso del dojo Il termine giapponese Dojo proviene dalla tradizione buddhista nella quale indicava originariamente il luogo in cui Buddha ottenne il risveglio e successivamente venne utilizzato per definire la sala nella quale i monaci meditavano. In seguito il termine è diventato di uso comune anche nelle arti marziali. Letteralmente vuol dire “luogo per la ricerca della via” volendo significare che nel locale non si svolge semplicemente un'attività sportiva, bensì si abbina all'esercizio fisico anche quello spirituale. E' infatti essenziale capire che lo scopo ultimo delle arti marziali deve essere quello di migliorare l'individuo sotto tutti i punti di vista.
Entrando nel dojo bisogna lasciarsi alle spalle tutti i problemi della quotidianità, purificarsi la mente e concentrarsi sull'allenamento per superare i propri limiti e le proprie insiscurezze, in un costante confronto con sè stessi.
Per esprimere il proprio rispetto nei confronti del luogo di pratica, degli insegnanti e dei compagni ci si inchina. E' consuetudine farlo entrando ed uscendo dal dojo, in direzione del lato d'onore (kamiza). Allo stesso modo, ci si inchina verso gli istruttori e verso i compagni prima e dopo aver eseguito un esercizio in coppia.

dojo Il dojo Yamabushi Shudan si trova in Via Chiesa Vecchia ad Albavilla (Como) ed è aperto dal lunedì al giovedì dalle 20:00 alle 22:00. Il lunedì si pratica Kendo, il martedì Iaido, il mercoledì Kyudo e il giovedì Katori Shinto Ryu.
Tutti i corsi sono adatti sia a uomini che a donne e senza limiti di età e chiunque fosse interessato a provare una delle discipline praticate può contattarci telefonicamente al 338/8402346 oppure all'indirizzo mail info@yamabushishudan.it.
E' possibile assistere alle lezioni o provare a praticare: per iniziare è sufficiente una tuta da ginnastica.